Correggi l'errore BAD_POOL_CALLER in Windows 10

Windows può essere un sistema operativo molto facile da usare e stabile, ma a volte potresti scoprire che genera errori. Questi sono errori di arresto o schermate blu. Uno degli errori di interruzione riscontrati di frequente è: BAD_POOL_CALLER con un valore di 0x000000C2. In questo articolo, condivideremo alcune informazioni su questo errore, causa e alcuni suggerimenti per correggere l'errore BAD POOL CALLER in Windows 10/8/7.

BAD POOL CALLER

BAD_POOL_CALLER

Prima di arrivare alla soluzione, dovresti conoscere il motivo di questo problema.

Questo particolare problema si verifica quando un programma tenta di utilizzare un thread del processore che non esiste o non è attualmente disponibile. In genere si tratta di un livello IRQL errato o di una doppia liberazione della stessa allocazione di memoria. Inoltre, se lo stesso thread del processore viene utilizzato da un altro programma, può causare l'errore. In altre parole, se un thread nel processore ha effettuato una richiesta di pool non valida, è possibile visualizzare sullo schermo l'errore di interruzione BAD_POOL_CALLER.

Quando ciò accade, Windows intraprende un'azione rapida su tali codici di errore. Il computer Windows si riavvia da solo ed esegue un test chkdsk per proteggere i dati da eventuali danni. A volte risolve il problema, ma potrebbe non essere utile in tutti i casi.

Se non riesci ad avviare Windows normalmente, dovresti provare ad avviare in modalità provvisoria e vedere se puoi accedere a questi strumenti. Se hai già abilitato il tasto F8 in precedenza, le cose sono più semplici quando premi F8 durante l'avvio, per accedere alla modalità provvisoria. In alternativa, dovresti avviare la schermata Opzioni di avvio avanzate e quindi fare il necessario. Se non puoi eseguire nessuna delle due operazioni, potresti dover avviare Windows 10 con il supporto di installazione di Windows o l' unità di ripristino e selezionare Ripara il computer per accedere alla risoluzione dei problemi> Opzioni di avvio avanzate.

Se il problema non viene risolto, puoi provare i seguenti suggerimenti.

1] Attiva Driver Verifier

Driver Verifier è uno strumento integrato di Windows che verifica la presenza di driver non firmati, il comportamento dei driver, gli errori nell'esecuzione del codice del driver, i driver creati per versioni precedenti di Windows, ecc. Che lo utilizzano; puoi eseguire un semplice comando per diagnosticare cosa non va nei tuoi driver.

Per iniziare, apri Driver Verifier cercando verifier.exe . Su Windows 10, puoi richiedere l'aiuto di Cortana. Altrimenti, cercalo nel menu Start. Abilitare le opzioni del pool di memoria per ottenere ulteriori informazioni su questi errori e per individuare il driver in errore. Successivamente, puoi configurarlo in base al tuo problema ed eseguire il comando dopo aver riavviato il computer.

2] Aggiorna driver di dispositivo

I driver sono una causa comune per la causa delle schermate blu, quindi controllare e aggiornare i driver del dispositivo alle ultime versioni disponibili dai produttori è sempre una buona idea.

3] Eseguire la diagnostica della memoria di Windows

Nei suggerimenti di cui sopra non hanno funzionato per te, dovresti isolare la memoria fisica. Per questo, puoi utilizzare Windows Memory Diagnostics, che è un altro strumento integrato nel sistema operativo Windows. È possibile eseguire lo strumento di diagnostica della memoria di Windows per cercare di isolare la memoria fisica come causa.

Quindi aprilo e seleziona Riavvia ora e verifica la presenza di problemi . Riavvia immediatamente il computer e inizia a controllare la memoria fisica per qualsiasi problema. Al termine del test, è necessario aprire il Visualizzatore eventi e visualizzare i risultati di MemoryDiagnostics-Results nel registro di sistema.

Per ulteriori informazioni su questo errore irreversibile, puoi visitare Microsoft.

Questo post ti mostrerà come risolvere l'errore BAD POOL HEADER.

BAD_POOL_CALLER